Giorgio Laveri
Giorgio Laveri è nato a Savona. Dopo gli studi di formazione professionale sulla regia televisiva, collabora con Salvatore Passarella e dipinge una serie di Murales sulla condizione del popolo Cileno dopo il golpe del 1972 (Milano, Roma, Brescia, Vicenza). Nel 1973 allestisce la prima personale alla Galleria Vultur di Genova e fonda con Nando Anerdi del Derby di Milano il gruppo teatrale “Rosacroce”. Dopo una serie di collaborazioni con diverse Produzioni Cinematografiche, gira il suo primo cortometraggio “La bella addormentata nel bosco” inserito in uno spettacolo satirico-teatrale di cui è anche autore. Dal 1974 si dedica professionalmente al cinema e al teatro. Scrive e realizza 12 cortometraggi a soggetto e un film “Scommessa di matrimonio”, che vince il premio della critica al festival “Cinema in casa” di Roma. Progetta e allestisce per il teatro Flaminio uno spettacolo teatrale e inizia una collaborazione con la televisione Svizzera. Nel contempo attiva una ricerca sull’espressione artistica legata alla ceramica e al cinema. Numerose le personali sul tema che allestisce agli inizi degli anni ’80 con cataloghi di Giorgio Dibitonto, Silvia Broggi, Marco Casiraghi, Brasilia Pellegrinelli. 1981 – Galleria d’Arte Pozzo Garitta, Albissola Mare 1982 – Galleria d’Arte Moderna Interarte, Milano 1983 – Albanese Arte, Vicenza 1984 – Galleria Homo Sapiens, Savona Nel 1985 realizza una linea di ceramiche per l’ufficio a tema “cinematografico” e la Banque National de Paris organizza una sua mostra presso la Sala delle Quattro Colonne nella sede Milanese. Nel 1986 nasce “Cineceramica”che viene presentata per la prima volta alle isole Eolie in occasione dei festeggiamenti degli 80 anni della Titanus Cinematografica che ne assume il Patrocinio assieme alla Regione Sicilia. Il mondo dell’immagine e del movimento “fermato” in ceramica, diventano un evento itinerante. “Fotogrammi in ceramica” tratti da grandi films compongono questa mostra che viene presentata anche a Trani, Albisola e Milano in Galleria del Duomo in occasione della premiazione dei films vincitori a Venezia (1988). Cineceramica viene recensita da tutte le testate nazionali e la RAI si occupa dell’evento con due speciali su TG1 e TG3. Alla fine degli anni ’80 nasce la prima delle numerose sperimentazioni di Ceramica-Luce-Movimento. Tra le tante “Delitto in Cineceramica”: una pièce teatrale presentata in anteprima nazionale al Festival Teatrale di Borgio Verezzi. Attori e ceramica interagiscono sul palcoscenico con una coreografia luminosa. Parallelamente all’evento, proposto in numerose città italiane, viene presentata una mostra composta da opere di grande formato legate alla sua attività teatrale. Nel 1993 aderisce al gruppo francese Art Mobil con il quale progetta una serie di eventi in Italia e in Francia. Firma con Patrick Moya e Veronique Champollion la prima parte del Manifesto del Movimento Artistico Mediterraneo tuttora in evoluzione. Partecipa ad una serie di eventi internazionali tra cui: 1993 – Arte Ambiente, Complesso Monumentale del Priamar di Savona 1994 – Nouvelle Ecole de Nice, Nizza e Montpellier 1995 – Ceramica e Disegno, Unione Banche Svizzere Agno, Lugano Nel 1996 fonda con il Dipartimento di Salute Mentale di Genova, “Il Giardino del Mago” con il quale produce una nutritissima serie di lavori legati alla sperimentazione teatrale, cinematografica e pittorica. Nel 1997 presenta una nuova serie di lavori in ceramica nella sede della Banque National de Paris a Montecarlo (catalogo con testo critico di Milena Milani) e nel ’98 realizza due opere per il merchandise della mostra “Omaggio a Picasso” a Palazzo Grassi a Venezia. Dal 1998 ad oggi 94 eventi che passano dalla sperimentazione alla performance hanno caratterizzato il suo lavoro. Fra i più recenti: “Discorso da Sviluppare” personale, Galerie A.I.A.P Montecarlo e Galerie Art 7 Nice “Ceramique et Cinema” personale, Chantier Navale Opera, Antibes; “Ben Mi Sta!” Performance con cravatte di stoffa installate su palazzi a Savona (Circolo Nautico) e Genova (Ex Ospedale Psichiatrico); “Art Jonction”, Nizza (performance di ceramica Raku); “Nissa-Sanna” interscambio di “arte mobile” con performances, Nizza e Savona; “Albisola-Nizza” a cura di Riccardo Zelatore, Museo D’Arte Contemporanea- Albisola e Galerie Art 7, Nizza; “Mediterranèe hic et nunc” Salon des Arts Contemporaine de Monaco, catalogo a cura di Frederic Altmann; “Opere Recenti” personali a Genova Galleria Rotta, Bologna Galleria Catus e Loano (SV) Galleria Merchionne. Catologhi a cura di Riccardo Zelatore; “Mediterranean” Muse Gallery, Hong Kong catalogo a cura di Yiu Wah Leung; “L’art et l’Euro” collettiva internazionale, Caisse D’Epargne Francais, Nizza-Tolone-Parigi, catalogo a cura di Jean Morelle; “Terzo Fuoco” Tre artisti interpretano la ceramica, Valente Arte Contemporanea, Finale (SV) e Arte Fiera Bologna. Catalogo a cura di Riccardo Zelatore; “Laveri’s Pictures” Muse Gallery e Galerie La Palette, Hong Kong, a cura di Yiu Wah Leung; “Albisola Futurista” Civica Galleria D’Arte Moderna di Gallarate e Complesso Monumentale del Priamar di Savona, catalogo a cura di Riccardo Zelatore; “Opere Recenti” personale, Mas D’Artigny St. Paul de Vence (Cannes); “Filmaker” a cura del Dipartimento Culturale di Hong Kong, Taikoo Place-Hong Kong; “Il Finale Collezioni” Chiostri di Santa Caterina, Oratorio de' Disciplinati, Comune di Finale Ligure; “Il Marchesato ritrovato. Aleramo, un albero venti autori” Teatro Aicardi, Comune di Finale Ligure; “Truka” personale a Miart 2004 con catalogo a cura di Riccardo Zelatore; “Rouge-à-levres et Stylos plumes” Personale alla Galerie Ferrero, Nice, Francia 2005 " Cinema e Ceramica " personale a Taormina a cura della Galleria Gagliardi, in occasione del Festival del Cinema 2005. Nel 2005 organizza un convegno internazionale nell’ambito della manifestazione “La Via dell’Arte” sulla ricerca ceramica legata ai luoghi mediterranei. Lavora con Patrick Moya alla stesura definitiva del I Manifesto della Ceramica Mediterranea e subito dopo organizza in collaborazione con Guillaume Aral, direttore della Galerie Ferrero, una grande collettiva con gli altri artisti del Movimento Mediterraneo che si terrà nell’anno successivo al Palais de la Mediterranèe di Nizza e alla Galleria Vintage in Spotorno (SV). Nello stesso anno partecipa a “St’Art 2005” Strasbourg con la Galleria Valente di Finale Ligure (SV). Nel 2006 partecipa alla Rassegna ”Un pugno di terra” nella storica Fornace Pasquinucci di Montelupo Fiorentino a cura di Stefano e Isabella Gagliardi. Nello stesso anno oltre alla partecipazione ad alcune collettive internazionali, viene installato in una piazza di Seul in Corea, un gigantesco “Truka” in ceramica smaltata, mentre in settembre viene inaugurata la grande mostra personale “Sala Giochi” alla Galleria Rossovermiglio di Padova. Nel 2007 esce in anteprima nazionale al Teatro Palladium di Roma l’ultimo lavoro cinematografico “Metabar” che verrà presentato in seguito in varie città italiane attraverso i circuiti D’Essai. Nel contempo partecipa con l’installazione “Virginia Wolf” a Miart e allestisce una grande sala della Villa Mazzotti a Chiari (BS) con ceramiche Mediterranee in “Chiari e Geniali” a cura di Ilaria Bignotti per la Galleria Colossi Arte Contemporanea (BS). In settembre partecipa alla collettiva “Batti quattro: fare arte” presso l’Oratorio de’ Disciplinati nel Complesso Monumentale di Santa Caterina di Finale Ligure (SV) a cura della galleria Valente Arte Contemporanea, mentre successivamente partecipa alle collettive “Ironika” presso Lifestyledesign in Brescia a cura di Denise Cozzi e “Serie Artisti e Galleristi” a cura di Lara e Rino Costa Arte Contemporanea Valenza (AL). A dicembre 2007 allestisce la personale “Man & Woman” alla galleria Insight in Roma e partecipa a “Start Miami” a cura di Design District - Miami. Il suo primo evento nel 2008 è la mostra “Effetti Personali” alla Galleria Terre D’Arte di Torino seguita dall’installazione “Ceramica Cinematografica: 8-1/2 Federico Fellini” ad ArteFiera Bologna con la galleria Valente ArteContemporanea. Partecipa a “Il bello oltre lo stile” evento che viene allestito a Genova a bordo del veliero Varuna in aprile e subito dopo è a Lille dove presenta con la Galleria Dir’Arte una serie di opere dedicate allo Stile Italiano. A ottobre gira l’ultimo film sulla trilogia dell’emarginazione dell’individuo nei laboratori di Pratozanino-Cogoleto e presenta una grande scultura al Museo Renoir di Cagnes sur Mer, mentre a novembre presenta alcuni nuovi lavori a St’Art 2008 Strasburgo con la galleria Studiò di Milano. Attualmente sono in preparazione tre eventi legati al cinematografo dal titolo “Ciakceramica” che si terranno in giugno 2009 a Roma (Galleria C.A.O.S.) , in agosto a S. Gimignano (Galleria Gagliardi) e a settembre a Parigi (Galerie Lo Studiolo).