Atanasio Soldati nasce a Parma nel 1896. Si laurea in architettura nella sua città natale nel 1920. Qualche anno dopo, in collaborazione con l’architetto Mora, progetta la facciata della chiesa di San Alessandro in Parma. Si trasferisce a Milano nel ’25. Da questo momento non è più possibile rintracciare nella susseguente attività di Soldati altro lavoro che evada dall’ambito della pittura. L’apporto di Soldati all’affermazione dell’astrattismo in Italia è importantissimo, fondamentale. La sua prima mostra personale ordinata nel 1931 alla Galleria del Milione, punto di riferimento delle correnti artistiche anti-novecentistiche milanesi e lombarde, dove espongono artisti europei come Léger e Kandinski e fre­quentata da poeti come Alfonso Gatto, architetti come Terragni, pittori come Radice e Reggiani, scrittori come Carlo Belli, Sinisgalli e Zavattini, ha il merito di una non trascurabile priorità: è anche la prima mostra di un pittore astratto che viene allestita in Italia. Nel 1932 partecipa a Roma alla collettiva «10 pittori italiani». Nel 1933 è nuovamente presente con una personale alla Galleria del Milione. Compie un breve viaggio a Parigi dove entra in contatto con il gruppo Abstraction-Creation. Nel 1934 esce, sotto la cura di Alfonso Gatto e Leonardo Sinisgalli, la prima monografia sull’opera di Soldati. Nello stesso anno partecipa per la prima volta a rassegne d’arte straniere (Mostra d’arte contemporanea di Ginevra e di Losanna). Nel 1935 è presente alla II Quadriennale d’Arte di Roma, ad una nuova collettiva alla Galleria del Milione e alla collettiva di pittori astratti riuniti a Torino nello studio di Casorati, dove si tiene la prima mostra ufficiale degli astrattisti italiani, con un manifesto firmato da Reggiani, Veronesi, Bogliardi, De Amicis, D’Errico, Fontana, Licini, Melotti e Soldati. Nel 1936 ordina a Roma la sua prima personale alla Galleria Bragaglia. Dello stesso anno sono le sue partecipazioni alla Galleria Nord-Sud di Casablanca (Marocco), a Villa Olmo di Como e alla Galleria Moody di Buenos Aires. Nel 1937 partecipa alla VII Mostra Interprovinciale del Sindacato Lombardo di Milano e alla mostra «60 artisti italiani» a Palermo. Nel 1939 è ancora presente alla Quadriennale romana ed allestisce una nuova personale sempre alla Galleria del Milione. Nel 1941 ordina a Venezia, alla Galleria del Cavallino, una personale e l’anno dopo la Galleria d’Arte Contemporanea di Milano gli organizza un’importante personale. Nel ’43, dopo il bombardamento della sua casa stu­dio, si trasferisce prima a Solbiate Olona, in provincia di Varese, poi a Mornico Losana, nell’Oltrepò pavese, infine a Voghera. Questi anni fino al 1945 Soldati li dedica alla Resistenza e viene eletto presidente del Comitato di Liberazione Nazionale dell’Accademia di Brera. Subito dopo la guerra, nel 1945, partecipa alla collettiva organizzata dalla Galleria Ciliberti di Milano. L’anno 1946 è particolarmente ricco di partecipazioni: ordina una personale alla Galleria Bergamini e partecipa ad una collettiva allestita dalla stessa galleria: partecipa alla I Rassegna d’Arte Contemporanea dl Milano, alla Il Mostra del Premio Matteotti di Milano, alla Galleria Barbaroux («Omaggio a Giolli») e vince il Premio del Ministero della Pubblica Istruzione: l’anno seguente vince il II Premio alla Mostra d’Arte Contemporanea di Ginevra. Nel 1947, assieme a Dorfles, Monnet e Munari, fonda il Movimento Arte Concreta. Da questa data risulta intensa la sua par­tecipazione a tutte le più importanti mostre italiane e straniere di arte astratta. È presente a tutte le edizioni del dopo­guerra della Biennale di Venezia e alla XXVI edizione della rassegna veneziana vi partecipa con un’importante mostra personale. Dal 1949 alla sua morte partecipa attivamente alle più importanti rassegne italiane e straniere ed ordina ancora mostre personali a Milano, Venezia, Asti e Trieste. In seguito al riacutizzarsi di una grave malattia muore a Parma il 27 agosto 1953.

Soldati, assieme ad Alberto Magnelli, Enrico Prampolini e Mauro Reggiani, può considerarsi il pioniere dell’astrattismo in Italia.

Prezzo:
-
AFRO (1)Agostino BONALUMI (1)Agostino FERRARI (1)Alberto BIASI (1)Alberto MAGNELLI (1)Aldo SPOLDI (1)Aleandro RONCARA' (1)Alfredo CHIGHINE (1)Alighiero BOETTI (1)Antonella MAZZONI (1)Antonio Ligabue (1)Antonio Michelangelo FAGGIANO (1)Arnaldo POMODORO (1)Arturo VERMI (1)Atanasio SOLDATI (1)Battista LURASCHI (1)Bruno BENUZZI (1)Bruno CASSINARI (1)Bruno MUNARI (1)Camille BRYEN (1)Camillian DEMETRESCU (1)Carlo BONFA' (1)Carlo MATTIOLI (1)Concetto POZZATI (1)Corrado BONOMI (1)Cristina RONCATI (1)Dario BREVI (1)Emilio GRECO (1)Enrico BARBERA (1)Enzo ESPOSITO (1)Ettore SORDINI (1)Felice LEVINI (1)Fernandez ARMAN (1)Francesco DE MOLFETTA (1)Franco ANGELI (1)Franco FRANCESE (1)Franco GENTILINI (1)Gastone BIGGI (1)Giacomo BALLA (1)Giancarlo BARGONI (1)Gianfranco FERRONI (1)Gianni CELLA (1)Gianni DOVA (1)Gianni PEDULLA' (1)Gino MELONI (1)Giorgio CHIESI (1)Giorgio DE CHIRICO (1)Giorgio LAVERI (1)Giusepe DEL FRANCO (1)Goliardo PADOVA (1)Graham SUTHERLAND (1)Hans HARTUNG (1)Hans RICHTER (1)Henry MOORE (1)Jean LEPPIEN (1)Joan MIRO' (1)Karel APPEL (1)Keith HARING (1)Luca ALINARI (1)Luciano BARTOLINI (1)Lucio FONTANA (1)Luigi GROSSO (1)Lutz BROCKHAUS (1)Marcello JORI (1)Marco LODOLA (1)Marino MARINI (1)Mario CEROLI (1)Mario DELUIGI (1)Mario NANNI (1)Mario SCHIFANO (1)Maryan S. MARYAN (1)Mastaka KUBOTA (1)Mattia MORENI (1)Max ERNST (1)Michele CASCELLA (1)Mino MACCARI (1)Oskar KOKOSCHKA (1)PLUMCAKE (1)Pablo PICASSO (1)Paolo BENEFORTI (1)Patrick MOYA (1)Piero DORAZIO (1)Piero RUGGERI (1)Pietro ALBERTO (1)Pietro CASCELLA (1)Pietro GHIZZARDI (1)Renato GUTTUSO (1)Roberto CRIPPA (1)Roberto ORLANDI (1)Salvador DALI' (1)Salvatore FIUME (1)Sandro CHIA (1)Sandro MARTINI (1)Sebastian MATTA (1)Sergio FERMARIELLO (1)Silvano DE PIETRI (1)Ugo LA PIETRA (1)Virgilio GUIDI (1)Vittorio D'Augusta (1)Vittorio MESSINA (1)Vittorio VALENTE (1)WAL (1)Walter VALENTINI (1)